Accesso Utenti

THE TRUE ENDLESS - Buried By Time and Dust

 Blackzine.com,in questo ultimo anno,ha parlato molto e sempre in maniera lusinghiera dei True Endless,una delle formazioni più longeve della scena italiana,soprattutto per quanto riguarda il black metal.

Oggi,parliamo del terzo full della band intitolato ''Buried by Time and Dust'',che in realtà non è un vero e proprio full poichè non è altro che la riedizione del loro primo demo (''The Trendkiller e.p'' anno di grazia 1999),con l'aggiunta di cinque tracce live registrate nell'autunno del 2001.

Per quanto riguarda il demo,il sound è veramente grezzo (la band dice di aver mantenuto le registrazione originali),come termine di paragone si possono citare gli Ulver di ''Nattens Madrigal'' (le chitarre sono praticamente uguali e ne hanno ripreso una parte degli intro delle canzoni del disco sopracitato) ma lo spirito,come ovvio che sia,è molto diverso;in quel periodo infatti i True Endless suonavano un black metal molto feroce e tirato,con song brevi che vanno dritte al punto,non mancano spunti interessanti che andranno poi a forgiare il sound che verrà in futuro come album come ''Wings of Wrath'' e ''A Climb to Eternity'' (dove verrà recuperata e magistralmente riarrangiata ''The new Glacial Era'').

Per la parte live invece,non possiamo fare a meno di notare la registrazione veramente amatoriale (praticamente a livello di bootleg),ma possiamo anche constatare come i ragazzi ci sappiamo fare pure sul palco,mostrando tanta grinta e passione.Interessante la presenza (a quel tempo membro ufficiale della band) di un violinista,che dona un tocco di teatralità alla musica,anche se non sempre (forse anche a causa della registrazione non ottimale) sembra riuscire ad integrare alla perfezione il suo strumento,un ''esperimento'' insomma riuscito a metà (nei dischi successivi infatti,non sarà presente).

Questo dischetto si chiude col video di ''Nightfall'': nonostante la qualità non sia delle migliori (ma neanche delle peggiori,ho visto di molto peggio),ha comunque il suo fascino (è pur sempre un video underground).

In conclusione possiamo dire i True Endless con questo disco abbiano voluto far conoscere uno spaccato dei loro primi anni di vita,credo sia inutile dire che questo è un lavoro riservato esclusivamente ai maniaci e ai completisti incalliti (a tutti gli altri consigliamo vivamente il debutto ''Wings of Wrath'').Una piccola gemma del panorama black nostrano che vede nuovamente la luce.