Accesso Utenti

HENRY ROLLINS e la ROLLINS BAND di "WEIGHT" (IMAGO REC. - 1994)

  • Scritto da Chiosso Danilo - NOTE: vedi foto anche all'interno articolo!
     
Che orrore! Che pubblico insulto!!!!
 
Ormai da mesi vedo su internet l'iconografia di LADY GAGA rovinare il logo dei BLACK FLAG, tra fotografie, video e t-shirt in vendita sul web, il tutto per promuovere questa finta provocazione da pop star che vuole sembrare tanto outsider, fuori dai canoni, io piuttosto direi simbolo che va dalla tristezza più assoluta a canzoni squallide tanto quanto il personaggio........Volere suo? Volere degli autori? Il marketing americano e il suo decadente status? Non lo so, non dovrebbe neanche toccarmi, ma non posso sopportare tanto visto che parliamo di HENRY ROLLINS e una delle band hardcore più storiche della scena (oltre alle sue partecipazioni nei primi MINOR THREAT, live con THE MISFITS, in UNDERTOW dei TOOL)....certo, anche lui per un periodo della sua vita ha fatto film da botteghino e talk show radiofonici e televisivi in onda di prima serata, ma viene comunque toccata una pietra miliare della musica, che ha lanciato messaggi indiscutibili e abbattutto barriere dell'establishment, ancora oggi venerata e ispiratrice, non un mordi e fuggi per stupidi ragazzini e sfruttato dai media fino all'osso! Grrrrr, che nervoso vedere tanto.......va beh, va, andiamo avanti.......non saremo noi a cambiare il mondo, ci penserà qualcun altro al più presto.....tornando alla recensione e questo sintomo di malessere che mi è venuto, tranquilli però, mi riprendo in fretta, voglio citare un'altra formazione post-1987 che vede Rollins stesso come leader, una nuova avventura, una nuova missione per massacrare la gente a colpi di "spoken word musicali", senza fronzoli, spari diritti al volto, un nuovo progetto che diventerà storico ancor prima di sfornare degli album, parliamo della ROLLINS BAND, spesso non citata visto il nome leggendario dei BLACK FLAG, e poi del disco che ho da poco ripreso ad ascoltare, sapete, ogni tanto fa bene bene ricaricare le pile con qualcosa di tosto, anzi micidiale, che ci dà forza, che ci sbatte in fronte insegnamenti di vita, ma soprattutto fa venire la pelle d'oca dalla carica d'animo che possiede: "WEIGHT" del 1994, se non erro il decimo della band in questione, e questo è vero rock che uccide quanto un bulldozer!
Quell'anno fu importante per molti artisti, alcuni di questi raggiunsero la consacrazione ufficiale del mondo musicale, la stessa MTV, quando aveva ancora del sale in zucca, mandava regolarmente in onda video di band come SEPULTURA, METALLICA, SOUNDGARDEN, PRIMUS, RANCID, THERAPY?, ALICE IN CHAINS e altri ancora, pensate un pò, e al pomeriggio, non alle 2.00 del mattino.....ve lo giuro, ero studente alle superiori, sovente a casa e ho prova della cosa su VHS registrati......altri tempi, altra "flow" come direbbero i rappers......la ROLLINS BAND ottenne un successo strabiliante con il singolo LIAR (correte subito a vedere il clip, è un ordine!), dove Henry in versione "americano medio trasformista", tra Superman, poliziotto, impiegato, per essere poi semi nudo e macchiato di terra rossa con la follia negli occhi, prima lancia una dichiarazione simil d'amore e scuse, massima calma, per poi sfociare in un "......CAUSE I'M A LIAR, YEAH I AM A LIAR" in grado di ghiacciare il sangue di chiunque, fino allo sclero finale di un uomo che ha perso il totale controllo di sé e ride ride ride ride, sbraitando SUCKER SUCKER SUCKER.......un brano dalle mille e una notte, gran teatralità del nostro singer, in grado di lanciare accuse e "obblighi comportamentali" nei brani con un'astuzia e furia che lo rendono unico, quel fuoco ardente che vive personalmente dentro di lui fin dai tempi dei BLACK FLAG, quell'incazzatura e sguardo da duro che lo porteranno a parlare e discutere in migliaia di città degli States e in Europa, proprio come spoken word man (vedi anche Jello Biafra o il nostrano Beppe Grillo) e presentatore di spettacoli, una vera celebrità di questa disciplina, seguaci ovunque quasi ad eguagliare OPRAH WINFREY.....una cosa bisogna ribadirla: attacca tutto e tutti ma è un nazionalista di prima categoria, crede molto nel sogno americano, nella bandiera nonostante infastidito dalle bugie, manipolazioni, emarginazioni e congiure sempre in corso, ha tanto di muscoloni e tattoo dal significato specifico, sempre dorso nudo e scalzo durante i live (storico il sole sulla schiena e scritta SEARCH AND DESTROY, da buon fan di IGGY AND THE STOOGES come più volte ribadito, vederla spiccare mentre in posizione da lottatore urla la sua ira al genere umano e ciondola la testa.....sublime e unico).....farà bene? farà male? Americano puro sangue, e la dice tutta, lo è ma non ho mai capito bene questa cosa nel nostro rocker, quanto è ribelle e quanto faccia da dollaro, almeno nel periodo anni '90-'2000 (?).
Gli arrangiamenti di WEIGHT sono dei suoi quattro musicisti fidati, sound engineer THEO VAN ROCK incluso (appare anche nelle foto ed elenco membri ufficiali, lo trovo meraviglioso e altruista come gesto, sono poche le band a farlo!): troviamo MELVIN GIBBS al basso, CHRIS HASKETT alla chitarra, SIM CAIN alla batteria. Il suono rispecchia molto il crossover in voga nei primi nineties, in un momento propizio per RAGE AGAINST THE MACHINE, FISHBONE, INFECTIOUS GROOVES, URBAN DANCE SQUAD, ICE-T AND BODY COUNT, ma ROLLINS BAND ha il suo marchio di fabbrica, un' amalgama di groovy hard rock d'impatto che ancora oggi non dispiacerebbe ai fanatici dello stoner più sabbathiano, meno sporco nella ritmica sicuramente, ricco di assoli e cambi di marcia dove giochi di distorsioni, accenti funk-jazz che si fondono con il punk vecchia scuola e il parlato nervoso (a volte anche sospirato, con brevi rappaggi qua e là) di Henry condiscono il tutto....ascoltando le tracce vi accorgerete che non si tratta della solita insalatona mista di generi o un revival della passata band, molto presente secondo me sulle prime release della ROLLINS BAND (l'ombra di "MY WAR" è difficile da allontanare), qui si sperimenta del nuovo a 360°.
Il disco inizia con DISCONNECT (altro single) e subito si capisce che fanno sul serio, il nostro predicatore non tira fiato per almeno 50 minuti e raggiunge il suo apice nell' heavy "ICON", nell'accoppiata vincente tra mid-tempo e corrosione acida "CIVILIZED" e "STEP BACK" (....YOU ARE SO FUCKING HUGE, YOU DISGUST TO ME.......YOU STEPPP BACKKKK!), "ALIEN BLUEPRINT" (hc punk'n'roll da headbang e stagedive!) fino al sarcasmo finale di "SHINE", epica in tutta la sua essenza funky rock.....qui la traduzione in italiano del testo:
se avessi ascoltato tutto quello mi hanno detto, non sarei qui! 
e se ho preso il tempo di sanguinare da tutte le piccole frecce scoccate contro la mia strada, non sarei qui! 
quelli che non fanno niente sono sempre quelli che cercano di metterti giù 
e si potrebbe passare tutta la vita in giro 
nella terra del niente, del dubbio di se stessi 

perché quando inizi a dubitare di te stesso il mondo reale ti mangerà vivo! 
è il momento di allineare il tuo corpo con la mente, è il tempo di sentirsi eroi 
è il momento, è il momento di allineare il tuo corpo con la mente, è il tempo di sentirsi eroi 
perché quando inizi a dubitare di te stesso il mondo reale ti mangerà vivo! 
e sai che è vero!
 
Sto parlando con te: il tempo di sentirsi eroe inizia adesso! Sì, il tempo da eroe, sì
il momento di brillare, ehi, ora eroe! 

se pensi di aver ancora 100 anni per fare un giro: ti sbagli! 
questa volta è reale, è il momento, ora, eroe! 
Sì, il tempo di sentirsi eroe, hey, il tempo di brillare, sì, il tempo da eroe, yeah! 

i tempi duri saranno ancora più difficili, i bugiardi agiscono forti 
è meglio ottenere una presa su te stesso o non durerai troppo a lungo 
è il momento eroe, ehi, il tempo di brillare, sì, il tempo da eroe, sì, il tempo da eroe, yeah! 
è il momento eroe, è il momento eroe, il tempo di brillare, brilla, brilla, brilla, brilla
oh yeah! oh yeah! (3x) (3x) 

una cosa come il tempo libero, una cosa come il tempo libero
una cosa come tempi di fermo 
tutto ciò che hai è la vita e lei se ne va! perché è il momento eroe, è il momento di brillare 
perché è il momento di andare, vai, vai! yeah, hou! sì, hou! 

quando sei andato, sei così andato (2x), ce l'hai ora il tempo, è il momento di andare 
il tempo da eroe inizia adesso! yeah, aha! yeah, aha! cambia! 

Ho avuto la grazia nei momenti di attrito, ho avuto la verità in tempi di finzione 
Non ho tempo per la montatura del suicidio?  Io non sono quel tipo 
Ho avuto poco tempo per la tossicodipendenza, non c'è tempo per fumo e alcol 
troppo forte per una durata ridotta, non ho tempo da perdere! 
E' tempo di brillare, sì, è tempo di eroi, sì, è tempo di eroi, sì,
yeah! yeah! 

quando inizi a dubitare di te stesso il mondo reale ti mangerà vivo! 
potresti trascorrere le tue passeggiate tutto intorno, codardo: oppure ci si può svegliare e salire! 
alzati, alzati, alzati, alzati! è il momento di brillare! yeah
HENRY ROLLINS da oltre 30 anni ci racconta certe cose.......prendete tutti i testi tra BLACK FLAG e ROLLINS BAND, anche la biografia, e troverete molte risposte a cosa oggi si sente volare nell'aria......per oggi ho finito, tante parole ma alla fine solo i dischi possono dirci la verità nuda e cruda......Ciao Ciao, Dany