Accesso Utenti

Intervista a EL GALLERO [THELL BARRIO]

-Presentatevi al pubblico Italiano.

Noi siamo i Thell Barrio e veniamo dal Messico e siamo oggi qui a Civitanova Marche, io sono El Gallero il cantante, Marlon il batterista, Solin il percussionista.

-Quando e come è nato il gruppo?

E’ nato verso la fine del 2004 nel nostro quartiere dove siamo cresciuti, siamo amici da molto tempo, ognuno di noi

suonava in altre band rock o altra musica , poi un giorno abbiamo deciso di unire in un gruppo tutti quelli che erano dello stesso quartiere, così sono nati i Thell Barrio.

 

-Come nascono le vostre canzoni?

Nel nostro gruppo non ci sono leader e nessuno stabilisce ciò che ognuno deve suonare, bensì apporta quello che gli piace anche da altri tipi di musica e io scrivo i testi sopra alla loro composizione. Questo è il nostro processo creativo, tutti sono partecipi e le opinioni di tutti contano allo stesso modo.

-Voi che musica ascoltate e quale tipo di musica ha influito maggiormente nel vostro sound?

Io ascolto musica di tutti i tipi non solo metal, mi piace molto la musica tradizionale messicana, hiphop, rock internazionale, non ci rinchiudiamo solo nel metal perché un musicista deve avere la mentalità aperta per progredire, per esempio io credo che in tutti i tipi di musica ci sia qualcosa di buono e cattivo , anche nel metal.

-Quali difficoltà avete incontrato nel progredire come band?

In Messico la gente è molto chiusa, se ascolta pop non ascolta altro, i metallari ascoltano solo metal e il pubblico metal non è numeroso, di conseguenza gli spazi sono ristretti, non c’è un industria musicale per il metal, non ci sono molti locali dove suonare, è impossibile andare in televisione o alla radio e queste sono le barriere che si sono presentate per noi nel nostro paese, comunque grazie a internet abbiamo potuto abbattere queste barriere e fare in modo che la nostra musica sia conosciuta anche in altri paesi dell’Europa, Sud America e in pratica in tutti i continenti, fatto sta che siamo più seguiti fuori che in Messico, per esempio qui in Europa c’è più interesse , la mentalità è più aperta, ci sono più spazi, mezzi migliori, come voi che ci state intervistando e tutto questo per noi è importante per fare in modo che il nostro pubblico aumenti.

-Quali sono state le vostre maggiori soddisfazioni?

Viaggiare, conoscere nuove persone, nuovi paesi, per esempio se non avessimo avuto una band non saremmo mai venuti in Italia o in Europa in generale a causa della situazione economica delle persone in Messico che non può permettersi un simile lusso, quindi il fatto di avere una band ci permette questo e per noi, il fatto di avere un lavoro che ci piace, ci permette di viaggiare, di conoscere nuovi posti e nuove persone, che la gente conosca la tua musica e che gli piaccia, penso sia per noi la maggiore soddisfazione.

-Parlateci del vostro ultimo album intitolato X VIDA.

X VIDA è un album dove ci siamo sforzati molto per migliorare la nostra musica e abbiamo impiegato molto tempo per comporlo e penso sia il nostro miglior album al momento ed è piaciuto al punto che abbiamo una casa discografica Italiana , la Sliptrick Records che ci ha appoggiato ed aiutato a lanciare l’album e al pubblico è piaciuto, inoltre abbiamo fatto un video che si chiama “Somos Gallos” e attualmente stiamo girando un nuovo video per una canzone di questo album ma è una sorpresa.

-Come vi siete trovati con questa casa discografica?

Quando abbiamo fatto il nostro primo tour in Europa la band dei VENEDETTA ci hanno scritto per invitarci ad una collaborazione, ma quando siamo arrivati in Italia non abbiamo avuto modo di incontrarci, più tardi rientrando in Messico abbiamo lavorato su un brano che si chiama SCARS ed è piaciuto a Carlo che è un membro attivo della casa discografica e ci ha invitato a far parte di questa casa discografica ed è cosi che è iniziata la collaborazione, per noi è un ottima casa discografica perché ci hanno appoggiato nonostante siamo di un altro paese e i nostri testi sono in spagnolo ma loro hanno confidato lo stesso nella nostra musica, ci hanno appoggiato nel realizzare l’album e, attualmente nella realizzazione del video, così siamo molto soddisfatti e continueremo la collaborazione con loro.

-Che cosa avete in mente di fare dopo il tour europeo?

Alla fine del tour europeo torneremo in Messico e ci prenderemo del tempo per comporre nuova musica, abbiamo intenzione di preparare un EP con 5 o 6 canzoni e preparare un nuovo show per tornare in Europa l’anno prossimo.

-Che cosa avete in mente per il futuro?

Continuare a fare musica, album, video è ciò che ci piace fare e finchè abbiamo la possibilità di farlo continueremo perché è il nostro modo per esprimerci.

-Come è per voi l’Italia?

Per me è un paese molto bello, la gente è molto calda e penso che l’ Europa in genere è il posto dove ci sentiamo più vicini al Messico anche perché la lingua è simile, la gente è più aperta, siamo molto ben accolti e ci sentiamo come a casa. Ci piace anche questa birra della mafia, è molto buona.